Smiley face

0424 52.22.54
Mattino: 7.45 - 9.00
Pausa pranzo: 12:30 - 13:30
Pomeriggio 15.30 - 16.30
Segreteria chiusa il mercoledì pomeriggio

Smiley face

0424 52.22.54
Mattino: 7.45 - 9.00
Pausa pranzo: 12:30 - 13:30
Pomeriggio 15.30 - 16.30
Segreteria chiusa il mercoledì pomeriggio

UN MONDO SENZA PACE

Se  siamo un mondo senza pace, la colpa non è di questi o di quelli, ma di tutti. Se dopo venti secoli di Vangelo siamo un mondo senza pace, i cristiani devono avere la loro parte di colpa.

Tutti abbiamo peccato e veniamo ogni giorno peccando contro la pace. Se qualcuno osa tirarsi fuori dalla comune colpevolezza e farla cadere soltanto sugli avversari, egli pecca maggiormente, poiché, invelenendo gli animi, fa blocco e barriera col suo fariseismo.

Se la colpa di un mondo senza pace è di tutti, e dei cristiani in modo particolare, l’opera della pace non può essere che un’opera comune, nella quale i cristiani devono avere un compito precipuo, come precipua è la loro responsabilità.

Ogni sforzo verso la pace ha una sua validità: chiunque vi provi dev’essere guardato con fiducia e benevolenza. Il politico può far delle cernite, porre delle pregiudiziali: il cristiano mai. Il cristiano non può rifiutare che il male, per comporre universalmente ogni cosa buona.

La pace è un bene universale, indivisibile: dono e guadagno degli uomini di buona volontà.

La pace non s’impone (“Non ve la do come la dà il mondo”); la pace si offre (“Lascio a voi la pace”). Essa è il primo frutto di quel comandamento sempre “nuovo”, che la germina e la custodisce: “Vi do un comandamento nuovo: amatevi l’un l’altro”.

Primo Mazzolari